Saturday, March 27, 2010

Veganpitu: crochet ed impegno animalista


Che io sia animalista (e per questo totalmente veg in ogni mia scelta) non è certo un mistero per nessuno. Normalmente non parlo del mio impegno di attivista animalista in questo blog, in cui mi propongo principalmente di seguire il tema "filo, aguglieria e fiber art" . Finora ho avuto occasione di spiegare i motivi che mi hanno spinto ad escludere la lana dal mio lavoro in questa pagina del mio sito. Questa volta impegno animalista ed aguglieria sono strettamente connessi, da cui questo post che spero apprezzerete! Adagiato tra i colli della campagna astigiana sorge un piccolo paese di nome Tonco, che ha ospitato per decenni una singolare quanto cruenta "giostra". Appeso a testa in giù un tacchino, alcuni fantini, in rappresentanza delle contrade del paese, se ne contendevano la testa a colpi di bastone.
It's no secret that I'm a vegan and a animal rights activist. Usually I don't speak about activism in this blog, I dedicated this page of my website to showing the reasons why I decided to ban wool from my work.But this time Animal Rights activism and knitting go hand in hand.In the countryside near Asti, there is a small village called Tonco. This village is known for the (in)famous "Giostra Del Pitu", a bloody and cruel reenactment where a turkey is hung by feet and some jockeys try to make his head fall hitting his neck with canes.
Non voglio dilungarmi nell'argomentare la storicità della tradizione che si vuol far risalire al Medioevo (periodo in cui però i tacchini scorazzavano ancora liberi beati loro nel Nuovo Mondo), né sulla pericolosità di spettacoli cruenti nella formazioni delle giovani menti... resta il fatto che da quando ho memoria tutti gli animalisti d'Italia e del mondo si sono sempre scagliati contro questa "festa"...
... E mentre tutti scrivevano mail e lettere di protesta, il gruppo dei 100%Animalisti (di cui sono orgogliosa di far parte) agiva...
Per farvi un'idea della "storia" di questa battaglia animalista, vi suggerisco la visione di questo video dal canale ufficiale di 100%Animalisti.
Ecco di seguito il resoconto con immagini step by step del come ho costruito un pupazzo a forma di tacchino a testa in giù, con tutte le caratteristiche tecniche idonee a sostuire l'animale vero.
I will not comment the actual historicity of this supposed medieval tradition (during middle ages, turkeys lived wild and free in America), and I won't add details on the educational hazardousness of such an event, but all the italian Animal Rights organizations always condemned this tradition.But, meanwhile everyone else was busy protesting via facebook and email, the group of 100%Animalisti (which I'm proud to be part) was actually acting... I highly recommend that you watch this video from the Youtube channel of 100%Animalisti. And now, a step-by-step report ont the making-of the "VeganPitu"
SCHEDA TECNICA del PUPAZZO TACCHINO Peso: kg. 20 Materiali interno: sabbia, pesi da subacquea, gomma, imbottitura 100%poliestere, un sasso (testa) Materiali involucro esterno: m.90 di cavo in plastica lavorato a concatenazione attraverso l’intreccio crochet di m. 900 di filo di cotone, elementi di espressione della testa in filo di cotone imbottito con fiocchetti di poliestere Testa: spiccabile dal collo attraverso colpi di bastone (sangue finto realizzato in 100%acrilico) La resistenza è data dal numero di "punti di sutura" e dalla qualità del filo usato per questa operazione.
Nel lavoro di concatenazione del cavo di plastica ho usato un punto basso "doppio", se guardate attentamente l'immagine sottostante risulterà facile comprendere questo tipo di punto
Technical details:weight: kg 20inside materials: sand, rubber, scuba-diving weights, a stone (head). padding: 100%polyestercovering materials: m.90 of cable interlinked, enlaced in m.900 of cotton yarn.elements of expression: cotton yarn stuffed with polyesterhead: can be cut off when hit (fake blood: 100% acrylic). Endurance depends on the number of sutures and on the quality of yarns used.To interlink the cable, I used a "twin single" crochet, this picture may help:
Il punto basso "doppio" si lavora così: 1 p.b non chiuso in un punto di base, 1 p.b. non chiuso puntando nel punto di base seguente, chiudere i due punti; ripetere questi movimenti puntando per il primo punto nello stesso punto di base del precedente, per il secondo in quello successivo. (Se non è chiaro sappiatemelo dire, che aggiungo un piccolo video!) Sono partita con il lavoro dalle zampe: ecco in successione la progressione del lavoro
To understand better the "twin single crochet", you may watch this video.
I started from the legs...

Il pupazzo doveva pesare quanto un tacchino vero: inizialmente 14 kg. portati poi a 20 su richiesta del sindaco di Tonco, per dare maggiore veridicità al simulacro. Per questo motivo il corpo del pupazzo è stato fatto interamente con questa tecnica di concatenazione del cavo di plastica:
The fake Pitu was supposed to have the same weight of a real turkey. At first it weighed 14 kilos, then the Mayor of Tonco wanted me to add some weight, and the final version weighed 20 kilos. To support the heavy weight, I had to use the interlinked cable, as shown in pictures below.Picture of the inside:
Ecco la schiena del pupazzo vista dall'interno:e dall'esterno:
and of the outside: Il problema della tenuta del peso dell'intero pupazzo l'ho risolto utilizzando i punto d’unione tra le zampe
The joining of the legs contains a handle to carry the heavy padding (a sandbag)
che nasconde infatti una "maniglia" che sostiene il peso (sacco in gomma pieno di sabbia).
Fino ad alcuni anni fa il tacchino veniva appeso per i piedi ancora vivo, più recentemente il malcapitato pennuto si vedeva togliere la vita a brevissima distanza di tempo dall'inizio della "gara" per assicurare uno scenografico sanguinamento... Per ripetere questo caratteristica tecnica dal dubbio gusto ecco come ho pensato di fare:
For years, the turkey was hung still alive, few years ago they decided to use a dead one, killed just before the reenactment, so it would still bleed.
Ho utilizzato un disco di stoffa fissato all'interno del collo cavo, a cui ho cucito precedentemente dei cordoncini di filato acrilico rosso, che sarebbero scesi al momento del completo distacco della testa. A proposito di testa: ecco le fasi della sua lavorazione
To make the fake blood, I sewed some acrylic yarn (red) between the head and the body. The yarn would stay closed in the empty neck till the moment in which the head would fall.Below, the making of the head:

Una volta pronto l'involucro in cotone ho dovuto simulare le piume.
And now, the fake plumage:
Ho usato un filato sintetico a frangette (nella foto è in nero, per farvelo vedere bene)
I used fringed synthetic yarn (below, the same yarn in black)
che ho lavorato a ferri e con cui ho realizzato una "tutina" con cui ho vestito il corpo e che è stata cucita su di esso
and I knitted a kind of suit to cover all the body and the fake wings (made in synthetic yarn and then stuffed)
Stesso procedimento per le ali che ho preparato prima con del filato sintetico imbottito e poi rivestite:
Tutte queste operazioni sono durate mesi, attraverso prove, rifacimenti, test ecc., insinuando non pochi dubbi nei quadrupedi di casa (come si può notare dall'espressione interdetta del piccolo Cosimo in questa foto)
The making of the Veganpitu took a lot of time, and all my beloved furry friends were very curious about the strange creature I was making (in the picture below, Mr. Cosimo looks at the Veganpitu in a very inquisitive way)
Il lavoro per realizzare questo pupazzo è iniziato nell'autunno del 2008 (periodo a cui risalgono molte tra queste immagini) ed è terminato il giorno della conferenza stampa (il 15 di questo mese) nel corso della quale è stato annunciata la sostituzione definitiva con il pupazzo. Fino ad un secondo prima della foto riportata in questo articolo ho infatti aggiunto, su richiesta del sindaco, qualche piuma di maglia in più, per dare maggiore effetto nel movimento. I started the Veganpitu in Autumn 2008, and I officially finished it few minutes before the news conference.
Nella realizzazione del finto pitu ho copiato dal vero le caratteristiche estetiche (specialmente nei colori) di un tacchino vero:
For the Veganpitu, I copied the looks and the colours of a real turkey, so the head was initially pink. Then the commission that should judge the reliability of the Veganpitu, decided that the pink head was too cartoonish, so I dyed it with black tea.
Quindi ho usato il colore rosa chiaro e rosa scuro come potete vedere... alla commissione che doveva giudicare la fattibilità della sostituzione sembrò però troppo "pupazzottoso" tipo cartone animato, quindi dovetti tingere la testa e le zampe con del the nero molto forte. Ecco la testa che asciuga alla finestra "godendosi il panorama": ed ecco il pitu (battezzato per l'occasione Veganpitu) pronto per la festa:
And here the Veganpitu, ready for "the party"!
Concludo il post con un ringraziamento pubblico all'Associazione 100%Animalisti nella persona di Paolo Mocavero per questa svolta e piccola vittoria nella seppur lunga e faticosa battaglia per l'affermazione dei diritti degli animali. A big THANK YOU to the 100%Animalisti crew, and especially to Mr. Paolo Mocavero, for making this whole thing possible!

15 comments:

Clo said...

Posso darvi il mio Premio Oscar? Vi meritate un applauso. E il crochet tacchino è stupendo!

rachele said...

vorrei esistesse un modo per esprimerti l'esageratezza della stima e dell'ammirazione che provo per te ed i tuoi lavori!
ti abbraccio forte e ti faccio i complimenti per questa grande vittoria.
rachele

Fata Bislacca said...

Ma sai che mi sono letta tutto con il fiato sospeso?! Sono davvero colpita anche se mi impressiona che gli verrà staccata la testa comunque...
Almeno non sarà un essere vivente a perderla, ma mi sconforta che l'essere umano non sia ancora disposto a rinunciare all'eccitazione con spettacoli truci... Mah!
Comunque, torno a te; che lavoro incredibile, che ricerca, che esecuzione fantastica... Davvero, la classe non è acqua!!!! Tanto di crochet!!!!!
Buona domenica! Cathy

Anonymous said...

bravissima luisa. dal punto di vista tecnico sei eccezionale, un'artista senza esagerare.
dal punto di vista morale e animalista, sei anche di più!
se tutti usassero le loro competenze come fai tu...il mondo sarebbe migliore.
sandro

Anonymous said...

Luisa sei speciale. E' vero quello che dice Sandro. Grazie per la tua indispensabile collaborazione. Un abbraccione! Cristina

pandora said...

...sono veramente senza parole...ammirata...da tutto questo splendido tuo (ma anche vostro, dell'associazione insomma) lavoro, dalla tua bravura, dalla tua dedizione alla causa...il veganpitu è un'opera d'arte ma davvero io mi unisco al coro di complimenti che hai ricevuto prima del mio perchè tu sei un vero mito...bravabravabrava!!!
clapclapclap!!! applausi :)

pandora said...

ps: ho appena letto e mostrato il tuo post al mio compagno e anche lui è in totale ammirazione...giusto per la cronaca :)
bacio!

Tibisay said...

A parte l'ovvio commento che potrebbero divertirsi in qualche altra maniera... sono senza parole... se ti dico che sei un genio ti offendi? Un bacio e... ti ho spedito una mail...

bilibina said...

Tutta la mia stima e ammirazione per quello che fai..Ciao!

Neyra said...

ehi ciao questo port e' bellissimo davvero complimenti sei un artista con l'animo nobile un abbraccio neyra

con-creta said...

condivido le tue idee, come te sono vegan e neanche a dirlo animalista..è meraviglioso quello che siete riusciti a fare!!!
è bello che ogni tanto una voce fuori dal coro venga ascoltata!!
:)

giovanna said...

Fantastico condivido quello che hai fatto complimenti ancora sei grande !!!!!
D.

Anonymous said...

ciò... anzi!
figo!

AbcHobby.it said...

sei davvero unica.... hai creato un fanatstico sostituto e hai pensato a tutto... anche al sangue finto!!! è talmente bello il tuo tacchino che è un peccato doverlo prendere a bastonate!

ne approfitto per augurarti Buona Pasqua!!
ciao eli

Daniela Cerri said...

DIO CHE ARTISTA LA MIA LUISA!!!